• +39 0585 776782
  • info@caicarrara.it

In occasione della manifestazione fieristica Vita all’Aria Aperta,  il Cai Sezione Carrara, che partecipa da anni all’evento, rinnova la sua collaborazione con l’Ente Fiera nel promuovere il turismo montano sostenibile e accessibile a tutti

La nostra Sezione sarà presente con la palestra di arrampicata alla 18^ edizione della manifestazione che si svolgerà presso il Quartiere Fieristico di Marina di Carrara dal 31 gennaio al 2 Febbraio 2020 all’interno del padiglione dedicato a “Vita all’Aria Aperta”.

Per i nostri soci in regola con l'abbonamento 2020 è prevista la riduzione del biglietto d'ingresso a €5,00.

Per maggiori informazioni visita il sito dell'iniziativa

qualche filmato delle precedenti edizioni: 2017, bambini sulla palestra di arrampicata

 

Riceviamo dal SAST, Soccorso Alpino e Speleologico della Toscana, stazione di Carrara e della Lunigiana la seguente nota sui percorsi montani delle Apuane

Carrara, 15 gennaio 2020

a causa delle poche precipitazion e della forte escursione termica di questi giorni, le condizioni della montagna non sono mutate rispetto alla settimana scorsa. Nelle Alpi Apuane e in Appennino, la neve rimasta si può trovare, da una certa quota in poi, a nord o nei canali non esposti al sole, e questa sarà poca, ma ben ghiacciata, quindi occorre prestare molta attenzione. Alle altre quote o esposizioni, non sono presenti condizioni critiche particolari. Si può trovare un po' di verglas nell'attraversamento di zone umide o canali nelle prime ore della giornata. Buona montagna a tutti!

E' in corso di distribuzione la nuova edizione de "L'Alpe di Luni" il nostro periodico sezionale; in questo numero:

  • la miniera di Scortico Ravazzone, un approfondimento storico di un luogo noto ma sconosciuto a molti  
  • una serata con Matteo Della Bordella
  • Gita all'Ortles i ricordi e le impressioni dei partecipanti
  • Accantonamento estivo 2019 del gruppo Giovanile 
  • Uscita didattica al Monte D'Arme, l'apprezzamento delle classi partecipanti
  • Alpinismo storico: le vie del Monte Contrario
  • Il nostro coro al Duomo di Carrara
  • Passa in Sezione e ritira la copia cartacea dell'Alpe di Luni numero di dicembre 2019 oppure scarica la copia pdf cliccando in basso fra download allegati:

    E' in corso di distribuzione il programma delle attività sociali per l'anno 2020, per scaricarlo in formato pdf clicca infondo a questa pagina lo trovi fra Download allegati.

     

     

      Lunedì 23 dicembre sarà la giornata dedicata agli auguri di buone feste e felice anno nuovo, ormai una tradizione per la nostra Sezione. tutti i soci sono invitati nel pomeriggio:
     
    alle ore 18.15 davanti al Teatro Animosi per alcuni canti proposti dal coro sezionale Le Coriste Apuane;

    alle ore 18.30 presso la nostra sede in Carrara, Via Apuana 3C per il brindare insieme fra tutti i soci, sarà anche l'occasione per ritirare il calendario delle escursioni del 2020 e il nuovo numero dell'Alpe di Luni freschi di stampa.  

    A fine novembre il socio storico della nostra Sezione Renzo Gemignani è stato nominato socio emerito del SAST Soccorso Alpino della Toscana, un riconoscimento riservato a quei soci che, all’atto della loro cessazione dai ruoli, si siano particolarmente distinti nell’espletamento del proprio servizio

     

    Renzo, volontario per ben 48 anni, ha contribuito in prima persona alla nascita del S.A.S.T. e dell’Elisoccorso Toscano; ha più volte rivestito il ruolo di Capostazione e di Delegato della Stazione di Carrara e si è sempre distinto, in prima persona, per le grandi doti tecniche e alpinistiche, per l’ineguagliabile conoscenza del territorio di competenza, nonché come leader, sempre presente e attivo all’interno del soccorso alpino. Ma soprattutto non va dimenticato il suo grande altruismo e spirito volontaristico.

     

    Un grande impegno con un ricco curriculum personale:

     

    nel 1968 presenta domanda per entrare nel Soccorso Alpino Stazione di Carrara. Non ancora entrato ufficialmente, partecipa da subito ad interventi di soccorso alpino, tra l’altro in prima persona col recupero di due alpinisti emiliani morti sulla Cresta di Nattapiana al Pizzo D’Uccello in invernale, uno scout morto nella Buca della Miniera al Monte Freddone ed un alpinista morto alla Foce del Pollaro al Monte Sagro. Nel 1970 entra ufficialmente nel Soccorso Alpino, allora con sigla C.N.S.A. Stazione di Carrara. La Stazione di Carrara era una delle quattro Stazioni, insieme a Lucca, Massa e Querceta, che componevano la XVII Delegazione Apuana. A quell’epoca tutte le stazioni insieme collaboravano durante gli interventi di soccorso alpino. Abramo Milea, fortissimo alpinista di Querceta, era il Delegato.

    Nel 1972 Renzo ha partecipato al corso per Tecnici di Soccorso Alpino al Monte Bianco.

    Nel 1980 ha partecipato al corso di Aggiornamento Tecnico su ghiaccio e neve in Marmolada. Ha partecipato a diversi corsi di aggiornamento/verifiche organizzati dalla Delegazione. E’ stato per due volte Capostazione di Carrara e per due volte Vice Capostazione, entrambe le volte per due mandati successivi, fino a dover uscire dal soccorso per limiti di età a 75 anni.

     

    Ricco anche il suo Curriculum alpinistico

    Nel 1965 ha partecipato al corso di Alpinismo organizzato dalla Scuola Tita Piaz di Firenze. Nel 1965 ha partecipato al Corso per Portatori al Monte Bianco. Nel 1967 ha partecipato al secondo corso Roccia organizzato sempre dalla Scuola Tita Piaz di Firenze. Nel 1968 ha partecipato al Corso di Perfezionamento organizzato in Dolomiti dal CAI di Bologna. Nel 1969 ha partecipato al Corso di Alpinismo del CAI di Carrara. Dal 1972 al 1983 è Istruttore di Alpinismo in diversi corsi organizzati da diverse sezioni CAI Toscane.

    E’ diventato Accompagnatore di Alpinismo Giovanile frequentando il primo corso istituito in Toscana ed Emilia Romagna. Ha salito le più importanti e prestigiose vie Normali di tutto l’arco alpino, con numerose vette sopra i quattromila metri, tra cui Monte Cervino, Tour Ronde (da diversi itinerari su neve e ghiaccio), Grande Jorasses, Mont Dolent, Sperone della Brenva, Dente del Gigante, Tacul (da diversi itinerari su neve e ghiaccio), Monte Bianco (da diversi itinerari), i Liskam (traversata), Grand Zebrù, Bernina, Ortles, Cevedale, Rutor, Gran Paradiso (da diversi itinerari su neve e ghiaccio), Ciarforon, Polluce (da diversi itinerari su neve e ghiaccio), Punta Zumstein, Corno Nero, Ludwigshoe, Piramide vincent, Punta Giordani, Castore (da diversi itinerari su neve e ghiaccio), Punta Perrot, Piz Palu, Marmolada. In Alpi Apuane, iniziate a frequentare dal 1958, ha aperto con Silvano Bonelli dal 1965 al 1970 varie vie alle Torri della Vacchereccia, alla Roccandagia, ha effettuato la 1° Invernale alla Nord del Monte Sagro, ha salito numerosi itinerari di roccia (ripetizione di più di 200 vie), in particolare tutte le salite della Nord del Pizzo d’Uccello, facendone anche delle varianti sempre con Silvano Bonelli, ha salito tutte le vette delle Alpi Apuane in condizioni invernali e numerosi canali ghiacciati, in particolare la Bagola Bianca, la Cresta della Mirandola, la Cresta della Forbice, la Cresta di Nattapiana, la Cresta Garnerone-Grondilice, la Traversata del Monte Cavallo, il versante Est della Tambura, la Cresta di Gialunga, il Canal Cambrone, il Monte Contrario.

    E’ stato 5 volte in Himalaya Indiano come Capo Spedizione, ha salito l’Aconcagua (m. 6962), ha salito il Toubkal (m. 4168) nel Grande Atlante in Marocco

     

    Fra le varie componenti della quota associativa annua una voce del costo del bollino è rappresentata dalle coperture assicurative di cui beneficiano tutti i soci iscritti al CAI; per fare un po’ di chiarezza è bene aver presente quali sono quelle già comprese e quelle che possono essere attivate a condizioni particolarmente vantaggiose.

     

    Ecco di seguito una breve sintesi delle quattro aree di rischio relative alle coperture assicurative:

     

    Soccorso Alpino, garantisce i rimborsi dei costi derivanti dagli interventi in tutta Europa, Svizzera compresa, a seguito di incidenti in montagna sia durante l’attività individuale che sociale. La polizza prevede il rimborso ai Soci di tutte le spese sostenute dal Soccorso Alpino e ricomprende molte attività (Es sci su pista, snowboard ecc), i massimali previsti sono Rimborso spese: fino a € 25.000,00 e diaria da ricovero ospedaliero: € 20,00/giorno per massimo 30 giorni; esiste la possibilità a pagamento di copertura extraeuropea. Importante anche in quelle regioni dove il servizio sanitario nazionale non si fa carico degli oneri del soccorso.

    Gli infortuni dei Soci, nel corso della loro partecipazione all’attività sociale (quindi solo durante le uscite e le attività connesse alla vita della Sezione e preventivamente deliberate dagli organi competenti), sono previsti rimborsi per infortuni i cui massimali sono: caso morte € 55.000,00 caso invalidità permanente € 80.000,00 rimborso spese di cura € 2.000,00, su queste cifre esiste una franchigia (importo iniziale non pagato) di € 200,00; inoltre pagando € 3,40 al momento del versamento della quota annuale esiste la possibilità di raddoppiare i massimali, oppure c’è la possibilità di estendere anche alle attività personali questo tipo di copertura versando 90,00 euro, con i massimali ordinari, o 180,00 per avere i massimali raddoppiati.Possibilità di assicurare con i massimali base anche le attività istituzionali di montagnaterapia con premio giornaliero di € 3,00 per i soci e € 6,00 per i non soci

    La Responsabilità civile terzi per i danni involontariamente causati a terzi nel corso di attività sociali, che determino la morte, lesioni personali e danneggiamenti a cose e/o animali, con massimale € 10.000.000,00; esiste la possibilità di estendere la copertura alle attività personali versando 10,00 euro annui.

    La Tutela legale: la polizza garantisce la difesa degli interessi in sede giudiziale per atti compiuti involontariamente solo durante l’esercizio di attività istituzionali. Con massimale fino ad euro 40.000,00

    trattandosi della sintesi di un argomento molto ampio, si invitano i soci a prendere visione delle maggiori informazioni rilevabili sul sito CAI o a chiedere in Sezione.

     

    presentazione del libro "L'altezza della libertà" Viaggio tra l'essenziale bellezza delle Alpi Apuane che si terrà al Rifugio CAI Carrara di Campocecina Venerdi 5 Luglio alle 21.00

    Saranno presenti Gianluca Briccolani, l'autore del libro, socio C.A.I. della sezione di Firenze, e Marco Baglioni della Walden Viaggi, La serata avviene alla conclusione della traversata delle Apuane organizzata dalla Walden viaggi, di un gruppo di persone provenienti da tutta la Regione.

    "Ero ormai deciso, nell'anno del mio quarantesimo timbro su questa terra: con una lunga e amorevole carezza lungo la schiena Apuana, avrei fatto l'amore con tutte le mie adorate cime". Il desiderio di una vacanza dello spirito, lontano dal caos del mondo urbano, porta Gianluca a salire sulle vette delle Alpi Apuane, in un percorso in solitaria alla scoperta di una natura selvaggia e affascinante. Il bagaglio è leggero, l'equipaggiamento ridotto al minimo, la macchina fotografica e il cellulare quasi sempre spenti, ma i sensi sono pronti ad ammirare i panorami mozzafiato, assaporare la pace dell'alta quota, osservare i particolari unici della flora e della fauna. Il viaggio termina a valle, a Viareggio, dove l'autore si concede un bagno in mare. Ma uscito dall'acqua, alzando gli occhi ai suoi monti, sa che molto presto tornerà a incontrarli.

    Una bella occasione per parlare delle nostre Apuane e per passare una serata al fresco.

    il coro ad Antona (Gennaio 2019)Le Coriste Apuane saranno presenti nei giorni 14, 15 e 16 Giugno al Festival Corale ImagnaCanta 2019, organizzato dal Coro CAI La Combricola di Sant’Omobono Terme, in provincia di Bergamo.
    La manifestazione, alla seconda edizione, vedrà esibirsi in varie località della valle, una delle tante delle prealpi bergamasche, 14 cori, 12 provenienti del nord Italia, uno dall’Ungheria. A noi, che ci fregiamo del titolo di più meridionali del lotto, il compito di testimoniare che anche un gruppo toscano, per di più di sole voci femminili, è in grado di cimentarsi con un repertorio di classici canti della montagna.
    Due i concerti che ci attendono, il primo in una suggestiva chiesetta isolata, il secondo nel pieno centro del capoluogo della valle, per un totale di 12 canti. Presenteremo brani della tradizione SAT, come “La vien giù da le montagne” e “Preghiera a S. Antonio”, ed altri del formidabile armonizzatore Paolo Bon, come “Som, som” e “L’anello di Ninetta”, ma porteremo anche sapori di casa nostra con i brani “La sera sui monti”, autore don Italo Bianchi e dedicato alla natia Garfagnana, e “La neva”, autore Alessandro Buggiani, direttore del Coro Monte Sagro, su testo di Auda Fucigna.
    Un impegno che affrontiamo certo con un po’ di timore, visto che per noi è la prima esperienza di questo tipo, ma con la determinazione che nasce dal tanto lavoro di preparazione affrontato. Ancora una volta, l’auspicio è di contribuire, nel nostro piccolo, a tenere alto il nome della Sezione.

    Proseguono gli incontri in Sezione sulla storia dell'alpinismo, questa serata dedicata a Destivelle Catherine, una delle migliori arrampicatrici francesi degli anni ottanta e una delle più forti alpiniste francesi degli anni novanta.

     

     

    escursione di media difficoltà, il ritrovo è alle ore 08,00 in piazza Matteotti (Farini) a Carrara con mezzi propri, ci porteremo a Colonnata dove le due comitive si divideranno. La comitiva “A” per più esperti, salirà a Cima d’Uomo per scendere poi alle case del Verghetto e da qui si porterà al monte Tamburone ed infine al “David” di Kobra ; la comitiva “B”, più tranquilla, con il nuovo sentiero salirà alla Croce del monte Tamburone per giungere poi al “David” di Kobra, dove sarà offerto a tutti i partecipanti alle due escursioni, un panino con lardo di Colonnata, un bicchiere di vino ed una fetta di dolce; una volta rifocillati, la comitiva “A” scenderà a Colonnata per il nuovo sentiero, mentre la comitiva “B” proseguirà per le case del Vergheto e scenderà poi a Colonnata, termine della gita per le due comitive.

    L'escursione è compresa nell'iniziativa dell'Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Carrara "Festival dello Sport": sei mesi di attività «dal mare ai monti» con diverse escursioni scelte per far conoscere il paesaggio montano del nostro territorio a tutti i cittadini e turisti.

    Larderie di Colonnata che hanno contribuito con il lardo: Larderia Fausto Guadagni, Larderia Sanguinetti, Le Larderie Battella e Larderia Mafalda

    iscrizione obbligatoria al costo di 3,00 euro, biglietti presso:
    CAI - via Apuana
    AVIS – Via Monterosso
    PUBBLICA ASSISTENZA – Via Roma
    FALP LAMPADARI – Via Carriona

    Storia 

    Dal libro “1888-2018 Una grande storia”

    Un lungo viaggio con la montagna nel cuore

     

    Breve storia della Sezione CAI Carrara

    La passione per il proprio lavoro di ricerca nell’ambito geologico, congiunto ad sentimento di attaccamento alle sue amate Apuane e i rapporti di lavoro che lo avvicinavano a Quintino Sella, fondatore del Club Alpino Italiano, concorrono in Domenico Zaccagna all’idea di fondare un Club Alpino, che diverrà la prima Sezione del territorio apuano. La data della sua costituzione fu il 13 febbraio 1888. La notizia sarà data anticipatamente al giornale locale “L’eco del Carrione”, che il giorno 15 gennaio 1888 uscì al pubblico con il seguente articolo: «…abbiamo ricevuto la circolare diramata dai promotori per la costituzione in Carrara di una Sezione del Club Alpino Italiano, e facciamo plauso all’operosità dei benemeriti promotori, che in breve tempo hanno saputo raccogliere l’adesione di ben 100 cittadini, a divenire Soci della Sezione stessa…». Nasce cosi, in un paesaggio dominato da suggestivi e silenziosi pinnacoli in pietra aggettanti sulla città di Carrara e la riposante trasparenza del mare, la Sezione di Carrara. Il primo Presidente sarà Domenico Zaccagna, che per motivi che vanno ricercati nell’ambito lavorativo, lo portano spesso ad allontanarsi dalla sua città. Rassegnerà, nell’ottobre del 1888, le proprie dimissioni. Come suo successore fu eletto Felice Momo, a D. Zaccagna gli fu assegnato l’incarico di Delegato alla Sezione Centrale. Dopo l’autorizzazione avuta dalla Sede Centrale di Torino per costituirsi in Sezione autonoma (la lettera fu spedita il 20 febbraio 1888) finalmente i 138 Soci inaugurarono nello stabile Passani in via Santa Maria la prima Sede, non distante dall’abitazione di D. Zaccagna. Inizia la programmazione di tutte le attività sezionali, tra cui la prima escursione ufficiale datata 21 giugno 1888. Nel 1891 verrà eletto a Presidente del Sodalizio Cherubino Binelli, il quale rimarrà in carica fino al 1894/5. Questa data sarà ricordata per i famosi Moti di Lunigiana, che contribuiranno, anche se indirettamente, alla chiusura della Sezione CAI di Carrara. Per gli interessati verrà a mancare un punto di riferimento, un luogo di incontro in cui era possibile ascoltare e condividere le proprie emozioni e dibattere sulla passione che li accomunava: la montagna. Passeranno circa 40 anni prima che a Carrara si ricreeranno le condizioni per istituire una nuova Sezione e dare nuovamente alla città un punto di riferimento per coloro che continuarono a frequentare la montagna. Nel 1936, dopo alcuni tentativi fatti l’anno precedente, viene rifondata la Sede. L’avvenuta ricostituzione sarà opera dell’architetto Carlo Vianello, il quale ne diverrà Presidente fino al 1944. Facendo una comparazione tra questi due periodi storici, la nascita e la rifondazione, si comprendono subito le difficoltà che accomunarono le due date: il 1888-1894/5 per la rivolta operaia sfociata nei Moti di Lunigiana, che portò la provincia di Massa Carrara a sopprimere di autorità tutte le associazioni sorte in quel periodo, tra cui anche la Sezione CAI, e il 1936-1945 funestato dal regime fascista. Dopo i fatti dell’8 settembre 1943 inizia una nuova fase in cui viene messa nuovamente a rischio la tenuta della Sezione di Carrara: la sede fu saccheggiata e molto del suo materiale di archivio andato disperso. Una frase, che sintetizza tutto lo sgomento di quegli anni è riportata da Plinio Volpi in una intervista del 18 marzo 1952: «[…] con la Patria anche’essa fu travolta nella rovina. Ogni suo patrimonio: morale e materiale fu disperso; gli appassionati, “i veci”, amareggiati in tanto caos, assistettero supini al suo sfaldamento». Proseguendo nel successivo capoverso si intuisce la passione che animava le persone che si accollarono questo gravoso compito: «[…] fu, infatti, durante il raduno organizzato dalla Sezione di Viareggio per l’inaugurazione del rifugio “Pietrapana”, sul finire dell’anno 1949, che, con un gruppetto di amici, parlando con il Presidente generale Bartolomeo Figari, che si decise la risurrezione della Sezione. Oltre, ben si intende, che per amore di questo sport che è tutta la nostra passione, anche per il decoro di questa Città che giustamente si erge a culla e Capitale delle Apuane». Fu sul finire del 1949, sotto la presidenza di Stefano Pietro Andrei (1948-1949), che il CAI di Carrara risorgerà dalle ceneri della Seconda Guerra Mondiale. Le conseguenze della guerra furono pesanti e ricostruire su macerie, sia materiali che morali, non fu semplice per coloro che avevano nelle intenzioni la voglia di riscrivere un nuovo capitolo per il futuro.

    Sempre nell’intervista Plinio Volpi ricorda con un breve discorso le parole del prof. Vico Perutelli (1950-51): «…dopo i preliminari con la sede Centrale e il relativo saldo di un vecchio debito lasciato da alcuni sfortunati volenterosi che mi precedettero nel compito, il giorno 15 giugno 1950 iniziai il nuovo tesseramento. Assunsi la carica di Presidente provvisorio, con l’impegno di organizzare al più presto l’Assemblea generale dei Soci per procedere alla elezione delle cariche sociali avvenute il 15 agosto 1950. Contavamo a quella data una cinquantina di elementi».

    Nonostante la guerra incombesse in ogni angolo delle Apuane la voglia di frequentare la montagna e dare ancora un senso alla Sezione per cui esistere era ancora molto partecipato, come si evince dal diario di Sauro Fontanesi gentilmente donato dal figlio Giorgio il 10 febbraio 1988.

    Nel diario sono riportate numerose escursioni effettuate tra il 1942 e il 1944, insieme ad altri Soci. Una, tra queste, la riproponiamo così come la scrisse Fontanesi: «2 gennaio 1944. Carrara ore 13.30, Codena, Bergiola, cave, case e prati, Rocchetta, Brugiana, Bergiola, Codena, Carrara ore 18.30. Unico partecipante Carlo Chiappe. Di seguito proponiamo la piccola relazione relativa all’escursione: «Splendida giornata, bella visione delle Alpi Apuane. Veduta, ad occhio nudo, delle Alpi Marittime, della Corsica, dell’Elba, della Capraia e della Gorgona». Da quassù, al di là del mare, videro anche riaccendesi la speranza in un futuro migliore. E da questa speranza il faro riprenderà ad illuminare la via.

     

    La determinazione e l’amore di un gruppo di persone, nei confronti del proprio territorio, sono stati più forti dei soprusi subiti. La Sezione di Carrara ha retto l’urto della barbarie nazi-fascista solo grazie alla volontà di questi uomini che hanno difeso un baluardo di libertà contro le ingiustizie.

     

    Il C.A.I di Carrara sarà sempre, oggi come allora un baluardo, utile come il faro per il marinaio ad indicare, a coloro che hanno la montagna nel cuore, che l’obiettivo di ciascuno dovrà essere quello di tenere fermo e ben saldo lo sguardo verso il futuro, per sostenerlo nel suo cammino verso i 150 anni di attività. Solo così il faro sarà ancora lì ad indicare il cammino. 

     

     

    Dedicato a tutte le persone di buona volontà,

    che nel corso degli anni hanno contribuito alla crescita e allo sviluppo della Sezione.

     

    Alla tenacia per non aver mai capitolato e per aver vinto una sfida all’apparenza impossibile.

    StoriaAlle future generazioni che avranno l’onore di condurci verso il traguardo dei 150 anni di attività

     

    Dalla Poesia “Scalatori con le ruote”

    «….. le nostre sedie saranno sempre pronte a scalare e donare una foglia di senso all’amicizia, senza barriere e senza inutili dune»

                                                                                                                                                      Valentina Lodi :  2015

     

    ….. e a tutte le persone che come Valentina hanno la montagna nel cuore.

    Pubblichiamo l'iniziativa del Soccorso Alpino.

    Una buona prassi che può fare la differenza, il Soccorso Alpino e Speleologico della Toscana (SAST) stazione di Carrara-Lunigiana, ha predisposto un modulo da lasciare esposto sulla nostra auto quando andiamo in montagna; uno strumento utile per aiutare i soccorritori e concentrare le ricerche dove ce n’è bisogno. Sperando che non capiti mai … aiutiamoli ad aiutarci!

     

     

     

     

    in anteprima online il calendario delle escursioni per l'anno 2019, il libretto stampato sarà disponibile a breve in sezione. Clicca sull'allegato per scaricarlo online. 

    Prossimi appuntamenti

    26
    Gen
    Questo itinerario, situato sullo spartiacque principale appenninico, fa parte del Sentiero Italia, che

    09
    Feb
    Neve permettendo quest’anno cercheremo di effettuare questa escursione partendo dal ristorante alla base

    Calendario Generale CAI CARRARA

    Prenota Rifugio Garnerone

    Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

    Lo Scarpone News

    Cerca nel sito

    Contatti

    Via Apuana 3c, Carrara (MS)

    +39 0585 776782

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.